Le regole del tradimento virtuale

Quando si fa una cosa, bisogna farla bene.

Questo consiglio si applica a qualsiasi situazione che si affronta nella vita e, quindi, anche per un tradimento.

In particolare se è un tradimento virtuale.

Erroneamente si potrebbe pensare che le probabilità di essere scoperti si riducano drasticamente visto che si tratta di tradimenti “non specifici”.

In realtà, molte sono le insidie che si nascondono dietro questo nuovo e come mai diffuso fenomeno.

Attualmente siamo collegati alla rete con ogni dispositivo, e l’abitudine di salvare le password e accessi è abbastanza comune.

Ma un buon traditore deve assicurarsi di non lasciare alcuna traccia di sé sui dispositivi che ha usato, per proteggere la sua immagine di coniuge perfetto.

Questo è il momento in cui moglie e marito hanno abbastanza tempo per analizzare lo smartphone e trovare le prove della sua infedeltà.

Di conseguenza, risulta vitale inserire un pin o la sequenza di sblocco che renderà inaccessibile ad estranei il vostro prezioso telefono.

Disattivare notifiche: È facile dimenticarsene!

E’ invece, estremamente importante ricordarsi di disattivare le notifiche e audio. Una moglie o un marito particolarmente sospetto non può credere in un flusso continuo di messaggi di lavoro provenienti da diverse chat.

Per evitare scomode domande, è un bene “mimetizzare” il più possibile il proprio cellulare.

Salvare, mai: rimarrebbero le tracce!

Un’altra fonte di pericolo è il vostro computer. Mossa assolutamente sbagliata.

Al contrario, si dovrebbe prestare molta attenzione a non salvare mai i propri dati di accesso e, anzi, possibilmente eliminare tutte cronologia di navigazione.

In questo modo scompare ogni vostra traccia e sembrerà che voi non siate mai passati di lì.

2017-02-24T11:17:06+00:00

2 Comments

  1. […] quelli che usano what’s app per tradire in maniera virtuale, avere storie extra, dal prossimo futuro avranno dei seri problemi al riguardo.Infatti è previsto […]

  2. […] Scoprire il partner occasionale, spogliarlo lentamente, sentire le sue mani che frugano sotto la gonna. […]

Scrivi un commento