Infedeltà in Italia, siamo terzi al mondo

Infedeltà, questa magica parola che non si deve dire…ma si tradisce, eccome se si tradisce.

Una classifica pubblicata da Durex, stabilisce una percentuale di tradimento altissima…il 45%!

Prima di noi, solo tailandesi e danesi.

Tradimenti a go go, scappatelle, amanti occasionali, incontri fugaci per tutti i gusti perché l’Italia ha voglia di sesso.

Il Bel Paese, la patria della religione cattolica, ha voglia di trasgressione.

Sempre secondo la ricerca, c’è un dato molto interessante.

Gli intervistati, la maggioranza, dichiara di non avere sensi di colpa.

Ma d’altronde, il sesso non comprende il senso di colpa.

L’infedeltà,poi, è sempre esistita ma solo negli ultimi anni ha preso una connotazione di normalità.

Erano gli uomini a tradire e neanche troppo segretamente,spesso con la connivenza silenziosa della moglie, della fidanzata o della convivente.

Tradizione e infedeltà, l’uomo ha sempre amato queste due cose.

La donna faceva da corollario poi, ha scoperto che tradire è piacere, sensualità e voglia di rimettersi in gioco.

Non confondiamo amore e sesso, perché sempre gli intervistati dichiarano di poter amare anche due persone contemporaneamente e, nel caso si venga scoperti, si ha una discreta certezza di essere perdonati.

Ma dopo quanto scatta l’infedeltà

Dopo il quinto anno di matrimonio in media, la scappatella è dietro l’angolo.

Ma, spesso se non sempre, avviene molto prima.

Le città con il più alto tasso di infedeltà sono Roma,Milano e Torino.

Ma quasi tutto il centro nord si “diverte” allo stesso modo.

Il sud, strano a dirsi dato il “calore” della gente, tende ad essere più fedele.

Sesso, questo grande motore che non finisce di prendere giri.

La voglia di trasgredire, di provare nuove sensazioni, prima o poi colpisce tutti.

Il desiderio del proibito, la voglia di vedere se oltre il proprio partner c’è da divertirsi, è forte.

C’è chi resiste un pò e chi si lascia andare quasi subito, ma l’infedeltà è pane quotidiano e si potrebbe obiettare che, se hai voglia di tradire, è inutile convivere o sposarsi.

Invece no, il bello è proprio questo.

Tradire e pensare di essere scoperti, eccita…stimola…spinge a farlo ancora di più, a capire dove e se esistono limiti alla propria sessualità.

Tant’è che, spesso, il gioco del tradimento diventa gioco di coppia, di incontri a tre, di cuckold.

Il sesso no ha limiti, l’infedeltà anche.

2017-03-01T12:02:09+00:00By |1 Commento

Un commento

  1. […] e non può essere controllato, quindi sempre più spesso ci si domanda se sia giusto a mare e rimanere fedeli o amare e vivere anche con altri la propria […]

Scrivi un commento